lunedì 22 giugno 2020

Con questi SANDALI lascerai Impronte di pace

Sandali e ciabatte Peacesteps 

comodi, resistenti e belli.
C'è un modello per ogni città della Palestina e per ogni stile.
C'è qualcosa di fondamentale che li accomuna tutti, il progetto di impresa che c'è a monte, la scelta di costruire ponti e abbattere i muri. 
Se vuoi vedere tutti i modelli clicca qui

Peace Steps - Artigianato in cuoio dalla palestina

Peace Steps è una cooperativa non profit che produce sandali, borse, cinture e accessori in pelle. E ‘stata fondata nel 2009 nel campo profughi di Kalandia nel quadro di un progetto di Vento di Terra ONG supportato nella sua fase di start up dalla Cooperazione Italiana e da Fondazione Cariplo. Nel 2014 si è trasferita a Hebron, vicino alla Città Vecchia.
Questa microimpresa sociale utilizza macchinari italiani e garantisce un ambiente di lavoro adeguato a un piccolo gruppo di palestinesi formati sulle tecniche di pelletteria e sulla gestione d’impresa.
L'arte della lavorazione del cuoi palestinese si unisce con quella italiana per crare un progetto di impresa con finalità di riscatto sociale.
La scelta di prodotti Peace Steps contribuisce a sostenere piccole realtà produttive in cui ogni giorno uomini e donne riaffermano il loro diritto ad un lavoro dignitoso e ad un ruolo attivo e positivo nella loro società.
La scelta di prodotti di Peace Steps garantisce il diritto di imparare e giocare in un ambiente protetto per i bambini che vivono in zone di conflitto.
I sandali realizzati in puro cuoio con la suola in gomma diventeranno tuoi inseparabili compagni di viaggio, inizia questo cammino con noi!

domenica 24 maggio 2020

Cronache di un impresa alle prese con il Covid19 e della ripartenza

La riapertura dopo il lockdown per contenimento Covid19, raccontata da una piccola bottega di Bologna.


E' passata una settimana dalla riapertura del 18 maggio e vogliamo condividere con voi la nostra esperienza perchè si tratta di una fase storica unica e ci sembra giusto lasciare un piccolo ricordo che narri quello che abbiamo vissuto:

* di quando la consulente del lavoro ci ha fatturato 250 euro per ogni domanda di cassa integrazione in deroga (per noi due dipendenti) e l'importo si ripete per ogni ulteriore domanda (per inciso la cassa integrazione ricevuta supera a malapena i 300 euro);
* di quando la banca ti chiede di firmare una garanzia personal per i 5000 euro che non sono coperti da Confidi e poi non nè la banca nè Confidi ti fanno sapere più nulla;
* di quando cerchi delle mascherine FFP2 e ti sembra di essere piombata in una carboneria per pochi adepti;
*di quando ti metti in gioco studiando nuove piattaforme di streaming e provi soddisfazione per averlo fatto;
* di quando da casa imposti F24 con credito d'imposta cercando il codice tributo e contemporaneamente interroghi tuo figlio sul congiuntivo del verbo "andare";
* di quando la macchina di famiglia diventa il magazzino;
* di quando la banca ti chiede come si ripartisce il capitale sociale di una cooperativa (ndr i soci delle coop non hanno quote o azioni, chi lavora in banca dovrebbe saperlo)
*di quando ogni minimo ordine, anche da 10 euro, diventa fondamentale per continuare ad esistere;

* di quando la prima settimana di riapertura sembra il ritorno dopo l'esilio e tutti passano a salutare e chiedere come stai e ti dicono di resistere, ti fanno sapere che ci sono

E noi grazie a questi clienti, che sono diventati amici, ci sentiamo meno sole!
GRAZIE A TUTTE E TUTTI

A narrare siamo Linda ed Emanuela, le due socie lavoratrici di C'è un mondo.

sabato 16 maggio 2020

Il 18 maggio 2020 si riparte, con dei servizi aggiuntivi

Ci siamo quasi, stiamo sanificando tutto il negozio per renderlo più sicuro per voi e noi, in modo da farvelo ritrovare in un rinnovato splendore.

I nostri locali potranno accogliere 2 persone alla volta, oltre a noi che ci lavoriamo, abbiamo previsto tutti i dispositivi di sicrezza personale previsti: gel disinfettante e guanti all'entrata, un percorso di entrata e uscita dal negozio. Sarete tutte invitate ad indossare la mascherina mentre siete in negozio e se volete toccare i prodotti siete invitati a usare prima il gel disinfettante o indossare i guanti usa e getta.

Dal momento dell'apertura sarà inoltre effettuata una sanificazione due volte al giorno delle superfici.

Questo grande lavoro di pulizia e sistemazione degli spazi espositivi ci permette di presentarvi una bottega sempre accogliente nelle sue aree dedicate all'abbigliamento, alla cosmesi e agli alimentari.

Grazie a questo lavoro che è durato una settimana intera ora non vediamo l'ora di accogliervi e dedicarvi finalmente del tempo a tu per tu.

Per aiutarvi e sentirvi più vicine abbiamo anche istituito una nuova modalità di interazione, infatti abbiamo creato la possibilità di fare un VIDEO APPUNTAMENTO in bottega, che si può prenotare attraverso Instagram (usando il pulsante Book Now) oppure su Facebook attraverso i pulsante Prenota ora.
E' un modo semplice per prendersi mezz'ora per fare un giro in bottega senza uscire di casa, potrete gironzolare, chiedere cosa c'è di disponibile di una certa categoria di prodotti, trovare un regalo per un'amica o cercare la camicetta giusta da abbinare ad un pantalone.
Poi potrete decidere se venire in negozio per comprare oppure fare l'ordine sul nostro sito
ceunmondo.it

Clicca qui per prenotare il tuo appuntamento

Facile prenotare in 4 passaggi






domenica 3 maggio 2020

Consegne gratuite una scelta molto apprezzata che prosegue


Visto che avete apprezzato 😊 la scelta delle consegne gratuite, proseguiamo con questa offerta di consegne senza spese per permettervi di fare ancora ordini online.

Per la consegna a domicilio nel comune di Bologna basta fare un piccolo ordine di 20 euro, per i resto d'Italia chiediamo un minimo di 50 euro, magari basta unirsi a una famiglia amica o acquistare un capo di abbigliamento che il minimo è raggiunto con una certa facilità.

La consegna è prevista in 5 giorni lavorativi (eccettuate le bomboniere).